titolo

 Gaspare Bernardi,  nel corso degli anni per le sue attività e pubblicazioni ha raccolto centinaia di articoli, segnalazioni, ecc... su tutti i quotidiani in pagine nazionali, regionali e provinciali, quali: "La Repubblica", "La Stampa", "La Nazione", "Il Corriere", "Il Secolo XIX", "Il Resto del Carlino", "Il Giornale", "Il Tirreno" e le più diverse "Gazzette" ed altri giornali. Ha inoltre avuto una decina di servizi dalla Rai naz. e reg. oltre ad altri numerosi da le più diverse emittenti private. Numerose e positive anche le recensioni sulle maggiori riviste specializzate. Per necessità di sintesi troverete in queste pagine stralci estratti da alcuni di questi articoli da i più recenti a quelli riguardanti i lavori e le attività precedenti.

 

COR'N CONNEXION



rumore

[...]” Cantautore fuori dagli schemi, con albun dall'afflato nostalgico e spirituale ma anche suonatore diplomato di corno francese, strumento al "cuore" del cd Corèn connexion (alfa music): dieci canzoni senza parole (fa eccezione Peana for my father) che intrecciano nu jazz, pop ed elettronica in melodie disegnate dalla voce ovattata e suadente del corno, con l'aiuto di alcuni ospiti tra cui il trombettista Giorgio Li Calzi. Il lavoro potrebbe scivolare in area di tappesseria lounge, non fosse per la vena poetica gentile ma anche un pò selvatica che sostiene le partiture originali "[...]

RUMORE (Vittore Baroni) - Gennaio 2012



musicajazz

[...]” Interessante è "Cor'n COnnexion" in cui Gaspare Bernardi rinnova l'incontro poco usato ma spesso felice tra il jazz e il corno, in composizioni per lo più sue. Collega il gruppo una fine elaborazione, anche elettronica "[...]

MUSICA JAZZ - Settembre 2011



rumore

[...]” Bernardi è musicista di difficile decodificazione. Nel suo background ci sono studi classici di corno ed un sound che ricorda jon Hassel e Mark Isham, ottenuto con la complicità delle elettroniche di Peppe Galassini e le chitarre frippiane di Lele Leucci. Il quadro si completa con l'amore di Bernardi per la poesia, che contribuisce a rendere impalpabile ed eterea la sua musica. L'unica traccia cantata "Peana for my father" è affidata alla vocalist Sarita, che presta la propria voce ad un testo dello stesso Bernardi. Cor'n Connexion lascia intravedere alcune brillanti intuizioni, ma ancora troppo legato ai modelli di partenza, che ne condizionano pesantemente lo sviluppo"[...]

ROCKERILLA - Settembre 2011

ingrandisci



rumore

[...]” noto per essere prima di tutto poeta e chansonier di montagna, ora ha tirato fuori un disco che è strumentale(!) ed è veramentetanto, ma tanto molvaeriano. Con meno maestria negli arrangiamenti e meno glaciale carisma, certo, ma dato che per noi Molvaer è semplicemente il meglio del meglio è ovvio che arrivare al suo livello si (quasi) impossibile. Bernardi qui si cimenta soprattutto con l'altro suo amore oltre all'uso delle parole, il corno francese; si fa aiutare da qualche amico fra cui l'ottimo Giorhio Li Calzi e crea una decina di affreschi tra analogico ed elettronico, atmosferico e malinconico. Tutto scorre dolcemente ma mai in modo banale e gli squarci poetici ci sono, senza aver bisogno di essere esplicati in parole. Unico neo la programmazione delle batterie elettroniche: poteva essere fatta decisamente meglio, in modo più creativo e qualitativo, qui suona troppo dozzinale. Ma è un peccato venialissimo. Bel lavoro davvero, per palati fini."[...]

FUORI DAL MUCCHIO - Maggio 2011

ingrandisci





INTERLUDIA



news-modena

[...]” La nuova opera letteraria del poeta, musicista e chansonier dell'Alto Appennino modenese Gaspare Bernardi al Booklet, l'area dedicata all`editoria del MEI - Meeting degli Indipendenti di Faenza. Il libro di prose poetiche Interludia di Gaspare Bernardi (Campanotto, ed. 2010)  sarà presentato dall'autore il prossimo 27 novembre (ore 18) alla Casa  di Booklet del MEI di Faenza, la sezione destinata al connubio tra  musica ed editoria, in una delle date del tour nazionale di  presentazione che ha già toccato Pavia, Firenze, Venezia, Reggio Emilia  e che, nel mese di dicembre, condurrà Bernardi alla Fiera del Libro di  Roma e a Milano.

L'opera, non un libro di poesie ma un libro dalla  coloritura poetica, raccoglie in 91 pagine una serie di scritti in  forma di frammenti, considerazioni, minime, paradossi alcuni molto  brevi, altri più articolati ("L'essere umano oggi è più sociale che  socievole"; "Ricchezza non è la misura di quanto si ha ma di quanto si  dà"), raccolti via via dagli anni '90 in poi, sui temi della nostra  esistenza. Un omaggio alla bellezza, totalità e complessità  dell'esistente che rifugge ogni semplificazione banalizzante."[...]

NEWS SPETTACOLI MODENA - 19 Novembre 2010



report

[...]”Interludia è un breviario che raccoglie in novanta pagine, le riflrssioni dell'autore modenese sulla vita e la morte, l'arte, la fede e la natura."[...]

REPORT - 3 Dicembre 2010



VIVAVERDI ONLINE - Novantanovenovità (rivista SIAE)

[...]”"[...]

VIVAVERDI - Marzo 2011



ESTATI LONTANE



Photobucket

[...]”Incantevole sorpresa non lo chiamate cantautore... infatti Gaspare Bernardi è molto di piu'.. Gia' il suo primo disco ha incantato la critica e questa sua seconda raccolta di canzoni scritte tra l'84 e il '92, non manchera' di fare la stessa cosa. Perche' intorno alla forma canzone Bernardi costruisce tessiture musicali che attingono tanto dalla musica colta quanto a quella popolare piu' Modugno che Bruno Martino di cui ripropone 'E la Chiamano Estate' "[...]

Rock Star - novembre 2005



Photobucket

[...]"Un album di cantautorato delicato con spunti jazz... non è insomma uno di primo pelo e lo si capisce ascoltando 'canzoni prime da Estati Lontane' progetto che risale addirittura agli anni '80 in cui Bernardi fa tesoro delle esperienze accumulate...stilisticamente si odono echi di cantautorato, progressive rock anni '70, blues, folk e jazz in una miscela proposta con senso della misura e ironia...in 'Grazie Miles', dedica al grande Davis, è ospite la tromba di Fresu"[...]

Jam - dicembre 2005



Photobucket

[...]"nelle canzoni del poliedico cantautore, poeta e scrittore modenese, c'e' quel sapore agro-dolce che sente chi ripensa al passato e guarda indietro per tirare le fila dell'esperienze, successi e delusioni... accompagnamento musicale adeguato"[...]

Tribe - marzo 2006



L'ARCO TERRESTRE



Photobucket

[...]"Atmosfere, orchestrazioni suggestive parole pesanti e pensanti. Opera complessa e multiforme a tratti misteriosa da un narratore, poeta pittore di suoni e sensazioni piu' che cantautore in senso stretto"[...]

Musica e dischi - dicembre 2001



Photobucket

...]"una sorta di pensatore rinascimentale che si serve dell'arte per comunicare una personalissima etica ed estetica...poeta, musicista, teatrante e filosofo...un alchimia che mescola una capacità affabulatoria a tratti mistica con una vocalità che riecheggia l'epicita' di Modugno... in un equilibrio quasi sempre perfetto fra semplicita' e ascendenze colte"[...]

Rock Star - aprile 2002



Photobucket

[...]"Sospeso tra etnica, pop e new age, l'Arco terrestre forma una suite ecologica con versi visionari e complessi arrangiamenti acustici"[...]

Superclassifica Show - febbraio 2002



Photobucket

[...]"Artista a tutto tondo e dalla personalità sfaccettata, l'emiliano Gaspare Bernardi, l'album prima di vedere finalmente la luce, è rimasto nel limbo per parecchi anni. Ed è un peccato perche' trattasi di un lavoro ricco ricchissimo di spessore. Composizioni che per l'amor di semplicita' potremmo a tratti accostare a certo Battiato per gli occasionali riferimenti colti, come all'ultimo De Andre' per la ricchezza strumentale, mentre la voce in alcune inflessioni assume coloriture simili a quella di Renato Zero...Riuscite orchestrazioni e gustose aperture verso il jazz e la classica... figura dalla personalita' innegabile e poco avezza ai compromessi. Per questo, piaccia o meno, importante. "[...]

Il Mucchio - 3 dicembre 2002